31 PAROLE… PER UN LIBRO – OTTOBRE 2018

9788807105357_quartaCOSTRUIRE E ABITARE
Autore: Richard Sennett
Casa Editrice: FELTRINELLI
Pag. 364 – € 25

L’emigrazione è un problema legato all’ambiente nativo non sempre favorevole; comunque permette a forti personaggi del luogo di rendere il proprio “io utile” anche per la comunità difficile in cui si trovano a vivere.
L’abitazione è il punto focale dell’essere e del vivere.
Perché la città è il luogo della discussione, del confronto, dello scontro, dell’evoluzione. Oggi forse la libertà, nelle motivazioni di chi parte dal villaggio natio, conta meno, conta di più nelle gigantesche masse in movimento la libertà del bisogno, la ricerca di quelle opportunità che nelle città non sono state mai abbastanza per i tanti nuovi arrivati ma che comunque in qualche modo c’erano e ci sono per chi riuscirà a coglierle.


Raffiche-d-autunno_large[1]RAFFICHE D’AUTUNNO
Autore: Natsume Soseki
Traduzione: Laura Testaverde
Casa Editrice: LINDAU
Pag. 220 – € 19

I personaggi descritti dall’autore cercano di superare la difficoltà dei luoghi di origine; per non essere troppo critici dei ricchi portano il protagonista a cercare nel mondo attuale ed in particolare nel Giappone, un modo di vivere ricco di evoluzione e di rispetto degli altri.
Le incertezze e i conflitti. Tra ambizione e distacco, tra benessere e malattia, tra rigore e compromesso, tra studio e guadagno. Tra astrazione e concretezza: i personaggi principali sono archetipici, quasi incorporei, ma basta la descrizione delle foglie che si staccano dai ciliegi, di un kimono finemente decorato, per trasportare il lettore nella Tokyo di 110 anni fa.
Andare in profondità e in leggerezza è una tipica posizione di questo autore.


41CRCl3vKuL._SX311_BO1,204,203,200_[1]L’ISLAM NON E’ TERRORISMO
A cura di: Francesca M. Corrao e Luciano Violante
Casa Editrice: IL MULINO
Pag. 252 – € 25

Parlare dell’Islam in un mondo “ricco di cristianesimo” non porta sempre ad una comprensione della religione di Maometto. Questi improntò il proprio “popolo” ricco di ideologia religiosa, ma anche libero di muoversi, aiutare sé stesso nel contatto con gli altri.
Allah è perdonatore, misericordioso. È dunque un messaggio di pace, di collaborazione, di reciproco impegno, soprattutto un appello alla ragione e alla cultura, che deve guidare i popoli che si affacciano sul Mediterraneo.


8444566_2897574PER UNA STORIA DELL’UNIVERSITA’ CATTOLICA
Autore: Nicola Raponi
Casa Editrice: MORCELLIANA
Pag. 784 – € 48

La grande università La Cattolica con genesi e sede, anche attuale, a Milano, è certamente dovuta a due “personaggi forti” di cattolica e intelligente confessione: padre Gemelli ed il professor Lazzati. Essi anche in momenti difficili (durante la guerra ed il fascismo) seppero “forgiare”, l’università Cattolica con persone capaci di sentire il cristiano presente, ma essere pronti ad affrontare il futuro non sempre piacevole.
Se costanti sono rimasti l’ispirazione di fondo e l’impegno a formare una classe dirigente all’altezza dei tempi, non si possono tuttavia negare le differenze di visione ecclesiologica e di prassi culturale tra Gemelli e Lazzati, che rappresentano i momenti più significativi della vicenda dell’Università Cattolica sino ad oggi.


81x5g0y05tL[1]TIRANNI. UNA STORIA DI POTERE, INGIUSTIZIA E TERRORE
Autori: Waller R. Newell
Traduzione: Gian Luigi Giacone
Casa Editrice: BOLLATI BORINGHIERI
Pag. 396 – € 25

La tirannia per molti autori è stato e forse lo è ancora un elemento importante per aiutare il popolo compatto a ritrovare un futuro valido.
Ci sono vari tipi di despoti: distruttori come Nerone, altri riformatori tipo il grande Giulio Cesare e Ataturk (per il mondo orientale).
I tiranni portano con sé elementi non sempre facili “da masticare” per il popolo che vive nel loro ambiente.
Con i tiranni millenaristi e genocidari dunque non bisogna scendere a compromessi. Cosa fare perciò oggi di fronte ai tiranni? Chi ha assistito all’esito delle primavere arabe ha ben chiaro che, «in quei Paesi non ancora convertiti ai valori dell’illuminismo», l’imposizione della democrazia con la forza non solo non serve ma produce l’effetto opposto.
Comunque si coglie come sia utile per i cittadini anche europei indagare “sull’agire non necessariamente armato” delle comunità attuali.

Autore: Giuseppe Gottardo

Giuseppe Gottardo: scrittore, pubblicista, opinionista radiotelevisivo Roberto Brumat: giornalista, scrittore, comunicatore www.robertobrumat.it Con Occhio di lince promuoviamo le ultime pubblicazioni di libri (reperibili in italiano nelle librerie e in rete) orientati su aspetti economici e sociali. A ciò uniamo segnalazioni di recenti articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *