ANTIQUARIA PADOVA

369x335px[1]

ANTIQUARIA PADOVA
dal 25 marzo al 2 aprile 2017 presso PadovaFiere

Tradizionale appuntamento con l’antiquariato a Padova: una fiera dedicata a collezionisti, investitori e appassionati, affiancata anche da una proposta a portata di tutte le tasche.
Da trent’anni è riferimento imprescindibile per il mondo dell’antiquariato, unico appuntamento di alto livello e di dimensioni significative nel territorio nordestino: la XXX edizione di Antiquaria Padova torna in Fiera a Padova da sabato 25 marzo fino a domenica 2 aprile 2017; anche quest’anno il vernissage su invito avrà luogo nella mattinata di apertura (ore 11). Leggi tutto “ANTIQUARIA PADOVA”

ARTICOLI… SCELTA PER TUTTI – Marzo 2017

logo_occhiodilince

Presentiamo alcuni articoli che riteniamo utili per fissare linee guida e punti di riferimento…

AGRICOLTURA HI-TECH di Massimiliano Del Barba
Il Corriere della Sera 17 febbraio 2017

Fotolia_135827450_XS-koHE-U432801054201705rcG-1224x916@Innovazione-Web-593x443[1]

Per fattorie, stalle, campi, trattori la trasformazione in senso digitale sarà opera di un futuro non tanto lontano.
I circuiti integrati” con il loro bisbiglio quasi impercettibile trionfano sui rumori tradizionali proprio del lavoro agricolo. La mungitura sarà guidata da telecamere e sensori gli stessi terreni usufruiranno di mappature volte ad accrescere la produttività.
Per Leonardo Valenti, professore alla Statale di Milano, la precisione sarà essenziale per le qualità e le quantità. La meccanica automatica investirà il sapere ed operare “contadino”.
Vi sono già esempi concreti a Treviso, Lodi. La veterinaria troverà registrazione dello stato degli animali e dei mezzi.
Quasi una opera d’arte, non solo di antiquariato ma di flussi moderni.
Terreni difficili incomprensibili…. potometri, ruminometri, saranno di attrazione continuativa ed efficienza non vana.
Vigneti, cantine, saranno fonti di ricchezza se il “cuore del vignaiolo” sarà regolato, accelerato dall’informatica intelligente.
La benzina del trattore sarà un’intelligenza artificiale.


ANALFABETI D’ITALIA di Angelo Panebianco
Il Corriere della Sera – Sette 3 febbraio 2017

1814262616[1]

E’ un dato concreto: si scrive poco, male e senza regole fisse, non solo le poesie che sanno solo un parlare scritto veloce e inarrivabile.
Da quella ricerca risulta che quasi l’ottanta per cento degli italiani è composto da “analfabeti funzionali”.
Fallimento della scuola? Della burocrazia governativa e gestionale dei grandi enti. Il parlare scritto si avvale di neologismi incomprensibili…. Un piatto del fare ed intanto è di pochi giorni fa la decisione di rendere meno rigorosi i criteri di ammissione all’esame di maturità: basterà la media del sei, anche con insufficienze in qualche materia.
Ma è vietato disturbare l’elettore… mettersi i guanti imbottiti e non da pugilato questo è d’obbligo per ognuno… Non dare fastidio e il sorriso è d’obbligo.


ROBOTICA ANTROPOCENTRICA di Guido Romeo
Il Sole 24 Ore Domenica 5 Febbraio 2017

manvsmachine1-e1297475067262[1]

I robot possono e debbono sostenere l’azione dell’uomo in modo che si espanda il lavoro umano. Le macchine saranno in grado di imparare, perché si muoveranno in spazi che l’uomo tiene per sé.
L’industria mondiale non è pronta per affrontare il prodotto finale. Si indica ad esempio che la Piaggio produrrà la sua Vespa ad un costo inferiore ad un sofisticato “smartphone”.
Non si può sostituire l’uomo anzi oggi abbiamo l’occasione di sviluppare una robotica che, mettendo al centro l’uomo, ha più chance di essere accettata e avere successo.
In un altro articolo sempre su “Il sole 24 ore” Luigi Sacco evidenzia che il lavoro quotidiano richiede molteplici informazioni.
Plasmare e sottolineare l’ambiente per fronteggiare la piccola e grande opera innovativa.
Poche ed elette persone vengono esportate dalle tecnologie innovative. Una persona ben informata del lavoro e sul lavoro è ormai indispensabile.


LA MODERNITA’ LIQUEFATTA di Romeo Bodei
Il Sole 24 Ore Domenica 5 febbraio 2017

Zygmunt-Bauman-1[1]

Il nome di Zygmunt Bauman (1925-2017) è diventato sinonimo di società liquida. L’economia stipata nella borghesia profana ciò che un tempo era ritenuto fisso e sacro. I colori etici quasi scompaiono e comunque si espandono nel provvisorio e nella semplicità. Ecco apparire le “vite di scarto”: l’umanità diventa sempre più numerosa ma meno insinuante.
L’oligarchia domina e costringe ad ossequi, una volta impensati.
Le sorgenti della consapevolezza, delle utili conoscenze si restringo, l’immaginazione sostituisce il progresso e la cultura.
Questo sarà sempre vero! “Ai posteri l’ardua sentenza…” purtroppo vari protezionismi si troveranno un loro spazio di influenza.


LO STILE DI D’ANNUNZIO NEL VITTORIALE
Rivista ANTIQUARIATO (febbraio 2017)

Stanza_Leda[1]

Per entrare nel Sancta Sanctorum nella sua residenza al Vittoriale il Vate pronunciò “Prendo possesso di questa terra votiva che mi è data in sorte”. A lui tutto era dovuto, tutto era pensato dalla sua molteplice attività, di poeta, di combattente, di raccoglitore di “cose” di antiquariato… anche moderno.
Spettacolare ed invasiva è la stanza “della servitù” dove morì il 1 marzo 1938 (era nato a Pescara nel 1863). Qui si trova un tavolo da lavoro della Zambracca ripieno di pezzi rari.
Nell’articolo vengono illustrati mobili, oggetti definiti una canonica cardinalizia e di oggetti per bene pregare.
Genio et voluntati… Il buon ritiro con ricordi artistici anche di Michelangelo, manoscritti di Wagner.
Vale assolutamente una visita attenta ed accurata.
Tutto “Hoc opus, hic labor est” è stata ricerca di un certosino colto, curioso, conoscitore di tempi e cose.
Alla fine per D’Annunzio l’arte è guerra: è una milizia eroica.

TRENTUN PAROLE… PER UN LIBRO – Marzo 2017

9788823504073_0_0_800_80[1]LA PELLE DELL’ORSO
Autore: Matteo Righetto
Casa Editrice: Guanda
Pag. 153 – € 14,00

Un giovane Domenico trova il proprio mondo nella montagna. Gioca, matura a contatto della natura. Incontra un orso immenso, la curiosità supera la paura….
Anche il padre è così feroce e precipitoso.
Uno sparo rintrona, ma sono le nuvole ad essere colpite… montagna e bosco sono compagni inseparabili.


9788815265081_0_0_1611_80[1]CHE FINE HA FATTO IL CAPITALISMO ITALIANO
Autore: Giuseppe Berta
Casa Editrice: Il Mulino
Pag. 160 – € 14,00

L’autore è uno storico dell’economia e di studi pubblici e privati.
In questo libro di 150 pagine racconta il capitale italiano forte e deciso quando lo stato democratico o meno è stabile ed ossequioso nelle urgenze e necessità del costruire: grandi marchi imperavano Ansaldo, FIAT, Pirelli sono strumenti pronti negli anni ’30. Poi il capitalismo di stato: IRI… banche, industrie estere ed essenziali.
Il capitale privato per Berta è stato “delicato”.
Made in Italy non solo marchio ma realtà in continua espansione.


4b1a6ae94e3b5137e85eca00b073491f_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy[1]LE BATTUTE MEMORABILI DI FEYNMAN
Autore: a cura di Michelle Feynman
Casa Editrice: Adelphi
Pag. 410 – € 26,00

Feynman è stato Nobel nel 1965, fondatore della “Elettrodinamica quantistica”.
Diventa un umorista di se stesso… sempre brillante economista. Queste pagine sono state curate dalla figlia Michelle che ha scelto lettere, lezioni universitarie…. Il sorridere, il ridere e capire anche il popolo. Il tempo attuale è ricco di scienza… non per furbizia leggera ma è quasi un vizio. L’immaginazione è fondamentale. La musica… con la samba a Copacabana è partenza e base per bene operare. La “ribalta” del mondo nel suo complesso.


enaip_orizzontale[1]ESSERE NEL LAVORO
Enaip Veneto 2017

Finito il conflitto mondiale a Padova viene avviato da un gruppo compatto di cattolici delle ACLI uno dei primi enti di formazione al lavoro.
La chiesa ufficiale sostiene l’iniziativa: tutto diventa una grande fucina.
Incontri, riflessioni ora fissate da foto, ricordi…. Scadono è arte, piazzale dei mestieri, percorsi sempre pratici ma rivolti a tutti.
Oggi oltre 5000 allievi ogni giorno entrano nelle aule, nei laboratori: contatto con le aziende è indispensabile e fornisce occasioni per tutti.
I docenti sono vari, preparati e consci di un servizio.

Finis di Marzo 2017!

logo_occhiodilince