LIBRI FORTI – DICEMBRE 2018

Linnocente-cover[1]L’INNOCENTE
Autore: Marco Franzoso
Casa Editrice: MONDADORI
Pag. 156 – € 17,50

Franzoso, padovano impegnato, accentua che attualmente le violenze sui bambini sono estese e continue: spesso partono da “situazioni piccole”, quasi minimali e poi diventano una tragedia per il bambino e per l’ambiente in cui vive.
Il bambino è portato a giustificare questo suo essere; l’infanzia “violata” può essere dovuta ad una poca sua attenzione.
Cos’è successo a Matteo? Qual è il male che l’ha segnato? Perché tutti gli stanno addosso per farlo parlare? Ancora una volta l’infanzia violata è al centro di questo libro dello scrittore padovano.
I danni irreparabili, per il giovane, diventano permeati dall’ambiente in cui il bambino è portato ad operare: in seguito a queste svariate situazioni avrà il cuore e la mente orientati a difendersi in continuazione.


Giuseppe-Cesaro[1]INDIFESA
Autore: Giuseppe Cesaro
Casa Editrice: LA NAVE DI TESEO
Pag. 297 – € 16

La Nave di Teseo porta un percorso di dolore e di infanzia soverchiata da elementi esterni che sconvolgono non solo il ragazzo, ma anche la famiglia e l’ambiente che alla fine deve proteggerlo.
Nel romanzo uno squarcio di cielo si presenta come persona madre che, anche se non tale, è protagonista della crescita non violenta dell’anima fragile del bambino.
Andrea va subito in debito di ossigeno. Gli manca l’aria. Non lo capiscono e non si fa capire. Nel posto sbagliato e nel momento sbagliato. Come se avesse perso “la mira al contrario”, vive in un mondo parallelo e ostile. In classe gli manca “il guizzo” della simpatia.
Purtroppo vari personaggi che intervengono sembrano rendere la storia di Andrea non accettata neanche dal suo mondo.
Il bambino crescendo trova nei compagni di giochi un elemento che trasporta il suo cuore in ambienti avversi.


I-nuovi-poteri-forti-cover[1]I NUOVI POTERI FORTI
Autore: Franklin Foer
Casa Editrice: LONGANESI
Pag. 300 – € 22

La carta scritta può a volte aiutare “il soggetto scrivente” a superare le proprie ansie e affrontare con coraggio il mondo vicino.
L’autore però è preoccupato perché i colossi del web sono portati, quasi sempre, a creare una realtà ideale.
Questo può permettere a molti di scoprire quanto non piace.
Uno studio dell’Università di Warwick fa un passo oltre, concentrandosi sull’odio e dimostrando come un maggiore uso di Facebook corrisponda (e sia corrisposto in Germania) – alla crescita degli attacchi contro i rifugiati.
Indubbiamente la realtà che permane latente, in tutto il libro, è costruita per tempo e quindi ciascun lettore e operatore può trovare il suo antidoto.


quello-che-ti-piace-fare-e-cio-che-sai-fare-meglio-157711[1]QUELLO CHE TI PIACE FARE E’ CIO’ CHE SAI FARE MEGLIO
Autore: Filomena Pucci
Casa Editrice:
Pag. 185 – € 15

L’autrice scrive per il “popolo ambientale”, ma sente che trova nelle pagine gettate un antidoto alle sue difficoltà, al suo cercare un aiuto per sé e per gli altri.
L’autrice fa un viaggio all’interno di sé stessa, trova lavoro e impegno per aiutare gli altri e così rinnova in continuazione sé stessa.
Il piacere è la chiave perché contiene gli indizi della tua vera essenza. Ascoltalo, smetterai di cercare e inizierai a costruire, smetterai di correre e inizierai a fiorire. Tu preoccupati solo di diventare chi sei destinato a essere, poi il mondo si muoverà intorno.
Filomena Pucci prima di dormire porta sé stessa a scrivere brevemente quello che ha fatto e che quello che desidera fare il giorno successivo e nei tempi successivi.
Le cancellazioni continue e frequenti, fa emergere al cuore e alla mente dell’autrice, il vero mondo che sente parte importante, non solo per sé, ma anche per i lettori.


Ulderico GambaPENSIERI DI PAOLO VI
Autori: Ulderico Gamba
Casa Editrice: Luciano Lincetto (A.E.P.C.)
Pag. 930

Papa Paolo VI è considerato uno dei grandi Papi del secolo scorso.
Monsignor Ulderico Gamba, noto scrittore di “cose” ecclesiastici, ha saputo cogliere nel libro che Luciano Lincetto, editore attento alla vita religiosa, ha con preparazione lanciato, con gli scritti di Paolo VI, un pensiero per ogni giorno dell’anno.
Studiosi hanno espresso per questo libro mirati apprezzamenti: una vera antologia di osservazioni e di riflessioni.
Cristo, ma anche l’uomo corrente per Paolo VI era soggetto ed oggetto di scritti e di attenzione.
Il cardinale Parolin nella presentazione di quest’opera scrive: “Formulo l’auspicio che questa antologia di pensieri e riflessioni possa suscitare nei lettori il desiderio di imitare la fede, la speranza e la carità di Paolo VI, indimenticabile Pontefice innamorato dell’uomo perché innamorato di Cristo.”
La “canonizzazione” di questo grande Papa, porta all’attenzione del fedele un “personaggio” che sapeva essere “innamorato” di Cristo ma soprattutto attento a quello che il popolo cristiano chiedeva e voleva raggiungere.

ITINERANDO – FIERA DI PADOVA 3-4 FEBBRAIO 2019

itinerando-e1484061890170-550x300[1]UN MONDO DI PROPOSTE PER CHI VIVE OGNI VIAGGIO COME UN’ESPERIENZA.

Dal 10 al 12 febbraio arriva alla Fiera di Padova Itinerando Show, il salone dedicato a nautica, sport acquatici, camper, turismo e off-road: una formula nuova e ricca di sorprese in un contesto dinamico e frizzante dove poter toccare con mano le proposte degli espositori attraverso un format votato all’accelerazione del business.
La manifestazione riunisce ExpoCamper 2017, Mondomare e Vacanze Weekend.

EXPOCAMPER 2017
Il mondo dell’outdoor in Fiera a Padova: Dopo il successo della scorsa edizione, ExpoCamper, secondo salone italiano dedicato al turismo en plein air, torna in Fiera in una veste rinnovata e ampliata. Tante le novità, a partire dal nome. Itinerando Show è una proposta davvero unica nel panorama fieristico nazionale, che coniuga insieme “mondi” diversi che hanno molti punti di contatto: accanto al turismo outdoor, quello più “tradizionale” e all’adventure tourism, anche la nautica, l’off-road e gli sport acquatici.

MONDOMARE – SALONE NAUTICO E SPORT ACQUATICI
Un nuovo grande contenitore tutto dedicato al mondo dell’outdoor, un layout completamente rinnovato, una superficie espositiva raddoppiata: Mondomare presenta quest’anno una proposta davvero ricca.
I visitatori che arriveranno al Padiglione 7 si troveranno “immersi” in un allestimento che ricorda un vero e proprio molo: un layout originale e innovativo.
Tante le novità già in campo:
– la piscina olimpionica che troverà posto al Padiglione 8, dove sarà possibile assistere a dimostrazioni di sport acquatici di ogni tipo;
– uno spazio ed un calendario di eventi dedicato al mondo del canottaggio, grazie alla partnership con la Federazione Italiana Canottaggio;
– proposte dedicate agli appassionati di pesca: fra gli ospiti speciali lo staff di Inside Fishing, associazione di riferimento a livello nazionale per la promozione della pesca a spinning.

Nel nuovo settore dedicato al mondo del luxury i visitatori potranno incontrare broker che proporranno alcune delle imbarcazioni più esclusive e ambite. Uno spazio tutto dedicato alle contrattazioni “di altissimo livello” in una cornice elegante e raffinata, arricchita dalla presenza di alcuni dei grandi marchi del mondo del lusso.

ARTICOLI… UNA SCELTA PER TUTTI – DICEMBRE 2018

italia-sud-mezzogiorno-cartina-tricolore-corbis-672x351[1]EMERGENZA FORMAZIONE, LA PRIORITA’ PER IL MEZZOGIORNO
di Paolo Onofri e Stefania Tomasini – La Repubblica – Affari & Finanza di domenica 16 luglio 2018

Un divario che ha molte facce: innanzitutto la specializzazione settoriale, che vede il Sud meno industrializzato (11,8% la quota sul valore aggiunto totale rispetto al 24.6% del Nord-Est) e dunque con una minore capacità di esportare (11,3% la quota di export sul Pil a fronte del 35% del Nord-Est). Non sorprende quindi che la quota di lavoratori impiegati in micro-imprese (quelle con meno di 10 addetti, le meno produttive) sia del 62.4% al Sud contro una media del 20% al Nord e, specularmente, sia minima (9%) la quota di lavoratori in imprese grandi (più di 250 addetti, 27.8% nel Nord-Ovest).


cugusi-pic-nic-2017[1]IL RITO DEL PICNIC. L’ARTE DELLA FELICITA’ ISTANTANEA
di Alberto Pellai – Il Corriere della Sera di venerdì 13 luglio 2018

I bambini provano una strana eccitazione. Non è agitazione, è altro. E’ un misto di felicità e sorpresa. È sentire l’appartenenza. Alla propria famiglia, ad un rito che è al tempo stesso festivo e feriale. Perché come tutti i giorni, anche al picnic altro non si fa se non consumare un pasto in famiglia. Però il modo in cui lo fai è tutto diverso. Tutto bello. Il picnic è per i bambini la quintessenza della felicità. Per i loro genitori una deviazione dal percorso standard della quotidianità. Un pasto condiviso, ma sena tavolo e sedie. Una tovaglia stesa sul prato o sulla sabbia.


El-rostro-de-la-America-Latina[1]IL FUTURO DELL’AMERICA LATINA NON SARA’ MIGLIORE DEL PASSATO
di Ian Bremmer – Il Corriere della Sera di giovedì 19 luglio 2018

Negli ultimi mesi, guardando all’America Latina, l’attenzione degli analisti e dei media si è concentrata sulla crisi politica e sulla catastrofe economica del Venezuela, e a ragione. Ecco un Paese dove il partito di governo, che in passato ha vinto democraticamente le elezioni, non ha esitato a spogliare il parlamento di ogni potere in reazione alla vittoria delle opposizioni, ha riempito la magistratura di politici asserviti al regime e ha messo a tacere pressoché ogni genere di mezzo di comunicazione indipendente. I gruppi di opposizione possono esercitare pressione sul governo solo scendendo nelle strade. La violenza politica ha fatto centinaia di vittime. Un’economia fortemente dipendente dalle esportazioni di petrolio, oggi sempre più incerte, drogata da espedienti e scappatoie improvvisate nel corso di molti anni, ha causato penuria dei beni di prima necessità, tra cui cibo e acqua. Migliaia di rifugiati si sono riversati nei Paesi confinanti.


Giuseppe Garibaldi (1807-1882) general de l'armee sarde, patriote italien qui lutta pour l'unification de l'Italie (Risorgimento) gravure --- Giuseppe Garibaldi (1807-1882) General of Sardinian Army , italian patriot who fought for unification of Italy (Risorgimento) engraving

GIUSEPPE GARIBALDI
di Silvia Morosi – Il Corriere della Sera di venerdì 13 luglio 2018

Una sorta di Che Guevara, lo ha definito lo scrittore Andrea Camilleri, che — a differenza del rivoluzionario argentino — non commette l’errore di andare dove non c’è un terreno fertile per le sue idee. Un avventuriero giramondo, fuggiasco che cambia identità per sottrarsi agli inseguitori, passato ai sussidiari scolastici come «Eroe dei due mondi»: il Sud America, teatro delle sue gesta tra il 1834 e il 1848 per la libertà delle repubbliche del Rio Grande do Sul e dell’Uruguay, e l’Italia della spedizione dei Mille. Mille e ottanta persone che s’imbarcano a Quarto per un viaggio in cui si parlava poco l’italiano e molto il dialetto, animati dal sogno comune dell’Italia unita.


IMG_4780[1]FIUMI, MONTAGNE E LAGUNE. VIAGGIO TRA I NOSTRI PONTI
di Antonio Padovese – Il Corriere del Veneto di lunedì 26 febbraio 2018

l più antico è quello sull’Adige a Verona che risale ai Romani. Da Bassano del Grappa a Venezia, storie dei manufatti distrutti durante le guerre e ricostruiti nel ventesimo secolo
Uniscono le sponde di un fiume, collegano parti di uno stesso paese o, come nel caso di Venezia, un’intera città alla terraferma. Molta acqua è passata sotto i ponti di Veneto e Friuli Venezia Giulia. In questo «viaggio» proponiamo un itinerario attraverso alcuni fra i manufatti più belli e ricchi di storia del Nordest.

 

31 PAROLE… PER UN LIBRO – DICEMBRE 2018

small_mENASSECOVER[1]LA CAPITALE
Autore: Robert Menasse
Casa Editrice: SELLERIO
Pag. 445 – € 16

L’istituzione della Comunità Europea ha portato utilità per il mondo occidentale del nostro continente; ha creato una solerte burocrazia portata al sorgere di perplessità “per i sudditi” e per le istituzioni dei singoli stati.
Il libro La Capitale è un best sellers in cui si sa parlare male “del maiale” di Bruxelles; insegna a trasportare nelle istituzioni patrie quello che è utile.


CAMANCHACA9789568228422-us-300[1]
Autore: Diego Zúñiga
Traduzione: Federica Niola
Casa Editrice: LA NUOVA FRONTIERA
Pag. 125 – € 14

Lo scrittore che ha come patria il Cile raccoglie parole sparse che mette in bocca a un solitario e difficile giovane “grasso” che è costretto a vivere con la madre in povertà: continuamente cura in sé stesso la possibilità di poter un giorno essere un giornalista.
In un viaggio con il padre trova il vuoto dell’amore e tenta di superare, grazie al padre e al ricordo della madre, le angosce e le difficoltà.


9788806236366.1000[1]LAVORETTI
Autore: Riccardo Stagliano
Casa Editrice: EINAUDI
Pag. 233 – € 18

Il Festival della Letteratura a Mantova ha portato a considerazione alcuni elementi di vita contemporanea: hanno saputo trovare nei titoli delle pagine scritte positività di vita attuale.
In questi “lavoretti” Riccardo Stagliano dialoga col popolo e con gli intellettuali. L’esempio sempre non positivo della politica di Trump e dell’Inghilterra con la brexit ha portato spesso ambienti a entrare in vicoli ciechi.
L’elemento positivo (di Trump e della Gran Bretagna) è che attraverso l’economia digitale non si è potuto non tener conto del progredire delle ricerche contemporanee.


FEDELTA[2]LE FEDELTA’ INVISIBILI
Autore: Delphine De Vigan
Traduzione Margherita Botto
Casa Editrice: EINAUDI
Pag. 133 – € 17

La scrittrice francese De Vigan presenta un romanzo in cui due giovani protagonisti di 12 anni vivono la loro vita non più da piccini, ma quasi da adulti che devono superare il peso quotidiano.
Purtroppo in questo romanzo l’alcool diventa un culto nei due ragazzini protagonisti.
Il finale è costruito grazie a “due piccoli” e a due adulti che si avviano ad integrarsi e a superare le vite impietose tipiche del tempo.


792f0a56-fbf9-456e-9757-4b0b4b06857c[1]OGNI GIORNO E’ UN DIO
Autore: Annie Dillard
Traduzione: Andrea Asioli
Casa Editrice: BOMPIANI
Pag. 257 – € 18

La scrittrice Americana Annie Dillard (premio Pulitzer nel ’75) porta il soggetto lettore a capire come il Dio dei vari racconti è essenzialmente un personaggio che naviga nella mente di molte persone.
Narrazione, poesia e preghiera sono “personaggi” non divinità capricciose e sfuggenti; elementi che il nostro subconscio porta a sentire come esperienza centrale anche per la fede religiosa.

LIBRI FORTI – NOVEMBRE 2018

8501102_3189999[1]POPOLO VS DEMOCRAZIA
Autore: Yascha Mounk
Casa Editrice: FELTRINELLI
Pag. 333 – € 18

Per diversi impegnati scrittori, ma anche per il popolo semplice, la democrazia è un punto base della società moderna; spesso si fa presente come la democrazia trovi problematiche per avanzare non nei punti fondamentali ma nelle cosiddette specializzazioni.
La democrazia liberale negli ultimi anni si è logorata fino a incrinarsi e oggi viviamo una frattura che si va allargando tra i due termini: da una parte una democrazia illiberale con sempre meno diritti e dall’altra un fiorire di diritti con sempre meno democrazia.
Si scrive e si commenta come la democrazia diventa anche illiberale. Ormai si pensa che il concetto democratico serva per i più impegnati ad acquistare le urne e per dare forza alle persone che desiderano che il mondo prosegua anche col popolo.


almanacco_emozioni_fronte_low-703x1024[1]
PICCOLO ALMANACCO DI EMOZIONI
Acura di: Giacomo Pilati
Casa Editrice: IMPRIMATUR
Pag. 162 – € 14

L’autore noto per racconti (che sparge in diverse pubblicazioni), torna a raccontarci della Sicilia gli aspetti popolari ma specialmente quelli intimi che incidono molto forte nell’infanzia ma anche nella formazione del cosiddetto popolo.
Inevitabile in una terra la Sicilia, che ti “impone” di schierarti. Dalla parte vera, di un giudice, Ciaccio Montalto e di un giornalista, ma anche molto altro Mauro Rostagno. Perché solo così le emozioni diventano Vita.
L’autore sottolinea come il presente è importante; anche la formazione del futuro si legge non nelle pubblicazioni, ma nella vita e nel parlare di ogni giorno.


8772137_3422549[1]LA RADICE QUADRATA DELLA VITA
Autore: Lorella Carimali
Casa Editrice: RIZZOLI
Pag. 302 – € 18

La matematica, secondo commentatori qualificati, ma anche secondo giornalisti correnti, è diventata punto fondamentale del procedere moderno nella ricerca e nella vita.
L’autrice con l’apporto di Guido Tonelli si preoccupa di riflettere come grazie ai nuovi sistemi informatici è essenziale che i giovani coltivino la matematica come elemento base di studio e di formazione.
Tonelli scrive: “Si, è vero, per certi versi è una generazione spaventata ma hanno dentro questa forza. Bisogna valorizzarla e allora il destino di tanti non sarà più quello di andarsene dall’Italia.”
E’ opportuno che giornalisti, commentatori e persone “viventi con semplicità il mondo attuale”, sentano la matematica come elemento di formazione, di ricerca e di utilizzo dei mezzi informatici moderni.
L’autrice sottolinea come la tecnologia è parte importante del vivere quotidiano e del portarsi a colloquiare con molti.


2e577d87-842c-47d7-b264-2395ad842742_medium_p[1]UNA DI LUNA
Autore: Andrea De Carlo
Casa Editrice: LA NAVE DI TESEO
Pag. 270 – € 18

L’editore impegnato, La Nave di Teseo, porta tra le proprie novità un romanzo in cui Venezia diventa protagonista, non solo del vivere, ma del pensare il futuro tra “le sue braccia”.
Andrea De Carlo in questo libro dà voce a una donna semplice ma decisa che per ben sopravvivere e per ben restare deve entrare in conflitto con un padre padrone: quasi un tiranno.
Sarà la città sull’acqua in cui è nata, saranno i silenzi della madre – quasi inesistente nella storia, pedina muta per scelta, forse in una ferma presa di posizione contro il marito – a rendere la protagonista screziata di malinconia (“non sono una pessimista; è solo che assorbo la luce con la stessa facilità con cui assorbo l’ombra”).
Venezia può essere una città buia, ma induce l’abitante a pensare come l’acqua sia stata il principio di una grande città, ma anche vita moderna.


91bN1ppRLnL[1]PREGHIERA DEL MARE
Autore: Khaled Hosseini
A cura di: Robero Saviano
Casa Editrice: SEM – Società Editrice Milanese
Pag. 56 – € 15

L’immigrato è una posizione scomoda per molti; è però di impegno a capire che il mondo non è più stabile come nel passato: se non si vuole a una integrazione continua con le persone che per motivi vari intrecciano le nostre coste.
La Sicilia data la sua posizione è portata in continuazione alla accoglienza e l’apertura per tutti è essenziale.
Non giudico chi ha paura ma, a meno che tu non sia un sociopatico, quando ti siedi di fronte a quella gente non puoi non capirli. Allora direi: guarda, pensiamo a politiche che possano ridurre queste tragedie, le persone non dovrebbero morire sulla nostra soglia quando neghiamo alle navi di attraccare. C’è una santità nella vita umana.
I siciliani diventano laboratorio non dell’Italia ma spesso di tutta l’Europa.
Il libro è un parlare a voce alta su un padre affettuoso che porta tra le braccia il suo bambino, lo stringe a sé per fargli quasi capire che deve affrontare il mondo moderno: potrà contare non sempre su l’accoglienza generosa delle persone.
L’autore sottolinea come per “il vivente negli Stati Uniti” è portato a considerare in continuazione che la popolazione di immigrati e rifugiati è forte e impegnative. Questo ha portato gli americani ad essere più attenti ed esperti rispetto a molti altri popoli nel vivere nel tempo attuale.

TUTTINFIERA – FIERA DI PADOVA – 3/4 NOVEMBRE 2018

LOGO_TNF[1]UN WEEK END INTENSO DI ATTIVITÀ E RICCO DI NOVITÀ PER TUTTI

Un mondo di curiosità, eventi, occasioni e rarità. Uno spettacolo continuo per un pubblico attratto dagli show e dalle innumerevoli novità proposte dagli espositori. Dagli sportivi ai collezionisti agli appassionati di elettronica e modellismo, dai buongustai ai curiosi alla ricerca dell’occasione o dei gadget per le festività, a TuttinFiera ogni passione trova la sua vetrina.

SETTORI PER TANTE PASSIONI
• Numismatica e filatelia
• Portobello vintage market
• Shopping e tempo libero
• Artigianato e mercato di Natale
• American dream
• Elettronica e modellismo
• Disco e fumetto
• Giorni di sport

ARTICOLI… UNA SCELTA PER TUTTI – NOVEMBRE 2018

image[1]L’IRI NON TORNA PIU’ PURTROPPO
di Bruno Manfellotto – L’Espresso di domenica 2 settembre 2018

Diciamo la verità: nella storia recente, l’impresa di Stato ha finito per dare pessima prova di sé; gli imprenditori privati si sono dimostrati egoisti poco propensi al rischio, incapaci di crescere; e la politica, lungi dal suo ruolo istituzionale di regolazione e controllo, è stata miope, assente o invasiva. Insomma, ognuno ci ha messo il suo. Ora, però, dopo la tragedia di Genova, sarebbe suicida agire senza comprendere, decidere senza riflettere, muoversi per punire e non crescere. Perché il crollo del Ponte Morandi ha sollevato questioni che vanno molto al di là della necessità di ricostruire.


DmO5PfFXsAAvF0A[1]IL MIO LAVORO? IN UNA ONG
di Fabio Savelli – Il Corriere della Sera – #buonenotizie – di martedì 5 settembre 2018

Le organizzazioni non governative: un settore in consolidata crescita occupazionale. I dati i Open Cooperazione: mille offerte di posti in 12 mesi, oltre a 2 mila addetti e 15 mila all’estero. La ricerca di nuove professionalità: agronomi, esperti di energie rinnovabili e “dialogatori”. Lo strumento che avvicina a questi mondi è spesso il servizio civile: il bando 2018 per 53 mila unità.
Potremmo definirlo uno stravolgimento. Che sta cambiando i connotati dell’attività della cooperazione internazionle amplificando la sua dimensione organizzativa e ampliando la ricerca di profili professionali solitamente appannaggio del mondo profit. Una ricerca che spesso diventa occasione di inserimento nel mondo lavorativo per i giovani: attratti dalle Ong come volontari (sono migliaia) o per l’anno di servizio civile, che sia nazionale o europeo.


43976-thumb[1]IL BELPAESE ORMAI E’ BRUTTO
di Ernesto Galli della Loggia – Il Corriere della Sera – di domenica 9 settembre 2018

Inizialmente, infatti, la cultura civica del Paese fu limitata in sostanza a quella delle sue élite politiche e del sottile strato di persone a esse in vario modo vicine (e dio sa con quali e quante contraddizioni!). Ma a compensare in qualche misura queste carenze, e quindi a rendere possibile la crescita di una vita pubblica più o meno consona ai nuovi tempi democratici, valse almeno il fatto che nel tessuto italiano continuavano pur sempre a esistere una tradizionale civiltà di modi, una costumatezza delle relazioni sociali, un antico riguardo per le forme e per i ruoli, un generale rispetto per il sapere e per l’autorità in genere.


3639743_1857_mercedes_clase_e_2017_tecnologia_anticipo_05_1440px_1_800x494_1_[1]LA CITTA’ CHE VERRA’ SARA’ INTELLIGENTE E DAL CUORE FEMMINA
di Federico Cella– Il Corriere della Sera – Moda – di venerdì 7 settembre 2018

Si chiama MASA, e non è una farina bensì l’acronimo di Modena Automotive Smart Area. Una piccola porzione del futuro delle nostre città gestita dall’Università di Modena e Reggio Emilia con diversi partner tra cui Maserati. È il laboratorio sul campo di Rita Cucchiara, professore del dipartimento di ingegneria Enzo Ferrari della Unimore, dove si testano progetti di sicurezza intelligenti. Smart perché connessi e capaci di apprendere.
«I sensori lungo le strade osservano quanto hanno attorno e i dati elaborati predicono in centesimi di secondo che cosa sta per succedere»: è una magia digitale quella che racconta Cucchiara. Alla comprensione fa seguito l’azione: «La macchina con guida assistita riceve l’avvertimento di un bambino che attraversa la strada e frena per tempo da sola, così il semaforo indugia sul verde in attesa che la bici attraversi l’incrocio».


Lettura-ad-alta-voce-txt-2DI QUELL’ESTATE MI RESTA UNA FOTO RUBATA ALLA LUCE
di Francesco Dimitri – Il Corriere della Sera di venerdì 7 settembre 2018

La stagione era cominciata male, senza amore. Poi tutto passò, come le giornate in riva al mare. La Felicità? Non so che cosa sia, ma dura poco.
Questa storia è basata su quanto sta emergendo da Felicemente, la ricerca del Corriere su come gli italiani immaginano la felicità. È stata scritta per essere letta a voce alta a un’altra persona. Anche se oggi leggiamo soprattutto a bambini, un tempo leggersi a vicenda storie era un modo comune per passare il temo. La lettura a voce alta consente di stare insieme e creare empatia. Farlo è molto semplice e non richiede alcuna abilità. Semplicemente, prendi questa storia, trova un amico, e comincia a leggere.

31 PAROLE… PER UN LIBRO – NOVEMBRE 2018

DiStefanoPIATTOesec-350x551[1]SEKU’ NON HA PAURA. UNA STORIA DI AMICI IN FUGA
Autore: Paolo Di Stefano
Casa Editrice: SOLFERINO
Pag. 253 – € 15

Un ragazzo africano, Sekù, affronta varie peripezie per formare un approdo e trovare una formazione nel mondo attuale. All’inizio è solo un dromedario che aiuta il giovane ad affrontare le varie difficoltà e l’ambientazione.
I dromedari tra di loro sanno colloquiare in un modo proprio.
Una considerazione: “Chissà se è questa capacità di accettare la vita come un’inesauribile sorpresa: è Mario, il ristoratore di Procida che gli offre il primo lavoro, umile ma dignitoso, di lavapiatti, o è Federica che lo porta a Trezzano sul Naviglio, alle porte di Milano, nella comunità di Mamma Africa, a fare di Sekù un uomo perbene.”
Ma gli amici che il protagonista incontra sono transitori e quasi sempre sfuggenti.


51FpudxdsWL._SX329_BO1,204,203,200_[1]LA GRANDE MATTANZA. STORIA DELLA GUERRA AL BRIGANTAGGIO
Autore: Enzo Ciconte
Casa Editrice: LATERZA
Pag. 286 – € 20

In Sicilia, ma anche altrove, i briganti hanno spesso improntato la vita del popolo: con molta attenzione ai potenti che davano loro accoglienza, ospitalità e impegni. Potevano continuare la loro vita. In questo i briganti più che le mafie hanno improntato la vita in un ambiente non sempre facile.


8352936_3056488[1]SPERANZE D’ITALIA
Autore: Ernesto Galli della Loggia
Casa Editrice: IL MULINO
Pag. 325 – € 24

Galli della Loggia è un commentatore: un autore impegnato e attento alla vita del piccolo popolo ma anche del ricercatore.
In questo libro (che si consiglia di leggere), si evidenzia come nella società il comunismo ma anche altre ideologie hanno lasciato una traccia mai solo iniziale.
Viene anche ricordato un personaggio molto noto, Gobetti, che nelle sue riflessioni cercava di portare modernità e pace anche nel vivere popolare del momento.
I cattolici, per l’autore, non sempre hanno avuto un ruolo bene preciso, ma certo sono stati parte importante della “letteratura reale del tempo”.


8927385_3436606[1]FLORIDA
Autore: Lauren Groff
Traduzione: Tommaso Pincio
Casa Editrice: BOMPIANI
Pag. 272 – € 19

La Florida per l’autrice è un punto di meditazione e ricerca incantevole: dalla poesia naviga ora nella prosa in quanto lo scrivere continuo porta difficoltà iniziale, ma poi anche tanta tranquillità.
“Sono stata in qualche modo radicalizzata, penso che se la letteratura non affronta il mondo in cui viviamo, probabilmente non ha senso. Il tempo in cui la fiction poteva essere, o fingere di essere, al di sopra della politica è passato.”


images[1]LUISA SPAGNOLI, 90 ANNI DI STILE
Autori: Sofia Gnoli
Casa Editrice: ELECTA MONDADORI
Pag. 241 – € 70

Per il mondo femminile “l’azienda Spagnoli” è stata un punto di raccolta del desiderio e a volte del sogno di molte donne.
Oggi l’azienda compie un evento di novant’anni in cui si evidenziano come il mondo della Spagnoli è sempre stato legato al femminile. Ora quest’azienda, famiglia allargata, è presente in oltre 40 paesi: tutto nasce e vive per sentire come il mondo femminile si lega, non solo alla famiglia, ma in tutto al mondo produttivo.

TECNOBAR & FOOD – FIERA DI PADOVA 6-9 OTTOBRE 2018

TecnobarTECNOBAR & FOOD
6-9 ottobre 2018 Fiera di Padova

NOVITÀ, TECNOLOGIE E ISPIRAZIONI PER I PROFESSIONISTI DELL’OSPITALITÀ

TecnoBar&Food, il Salone dedicato ai professionisti dell’ospitalità, presenta tante novità per l’edizione 2018:
– NUOVA DATA per andare incontro alle esigenze dei professionisti che hanno bisogno di confrontarsi sempre prima con le novità del settore;
– 25.000 MQ DEDICATI ad attrezzature, tecnologie, contract, food & beverage con un’attenzione alle eccellenze enogastronomiche del territorio;
– IL BAR TORNA AD ESSERE PROTAGONISTA con proposte innovative, qualità del prodotto, servizio di alto livello e dimostrazioni live oltre a corsi di formazione e aggiornamento.

TECNO AREA
Tecnologie e prodotti all’avanguardia per il mondo della ristorazione e dell’ospitalità: attrezzature professionali, impianti e accessori capaci di rispondere alle esigenze di un mercato sempre alla ricerca di soluzioni innovative.

FOOD AREA
Il mondo food in tutte le sue declinazioni: prodotti enogastronomici, specialità regionali, show cooking, dimostrazioni live e spazi per la formazione e l’approfondimento dedicati ai professionisti del settore.

EVENTS
TecnoBar&Food organizza e ospita alcuni eventi di rilievo nazionale e internazionale, che negli anni sono diventati veri e propri appuntamenti per chef junior e senior, per barmen e per tutti i professionisti del mondo dell’ospitalità.

CAMPIONATO ITALIANO E INTERNAZIONALE “CHEF IN PUNTA DI DITA”
Tornano a Padova i campionati italiano e internazionale di Finger Food. Ancora una volta tantissimi chef, suddivisi per categorie, si impegneranno nella creazione di piccoli capolavori culinari da gustare “in punta di dita”, belli da vedere e squisiti da mangiare.

TERRE DEL BIO
Colazioni bio per bar, alberghi e ristoranti

Le Terre Del Bio è uno spazio dedicato alla presentazione delle eccellenze enograstronomiche biologiche dei vari territori italiani.

Dall’olio al vino, dalla pasta alle marmellate: attraverso i nostri produttori vogliamo permettere al visitatore – professionale e non – di fare un giro del gusto lungo tutta la nostra penisola, offrendo non solo prodotti di qualità, certificati biologici, ma anche la possibilità di riscoprire tradizioni, saperi e sapori di una volta.

In tal senso, verranno creati percorsi di degustazione volti a promuovere anche la parte culturale legata ai prodotti, perché per poter sviluppare al meglio il mercato occorre anche avere un pubblico formato.

Gli operatori professionali avranno modo così di entrare in contatto diretto con produttori di eccellenze biologiche, ma potranno anche usufruire di punti di consulenza e formazione utili per lo sviluppo delle loro attività: sarà infatti possibile incontrare in fiera professionisti che potranno dare indicazioni sulle certificazioni per il turismo sostenibile, su alcuni aspetti legati alla comunicazione degli allergeni, sulla nutrizione e molto altro ancora.

I RITORNI – LE RADICI – OTTOBRE 2018

cropped-logo_occhiodilince.png

Ogni mese, come è stato suggerito, portiamo in evidenza un libro, pubblicato anche diversi anni fa, dove la cultura e il sapere del tempo sono stati sollecitati a confrontarsi con aspetti, non solo intellettuali, delle generazioni dell’epoca.

image_book

GRANDI PECCATORI GRANDI CATTEDRALI (1987)
di Cesare Marchi

L’Italia dei tempi del Medioevo e del Rinascimento è “ricca” di cattedrali.
Molti fedeli (turisti) impegnano tempo importante a visitare le grandi costruzioni: nel Medioevo segnavano la misura della fede del popolo e di grandi costruttori.
Per Marchi il Medioevo è una guida che porta a conoscerci per varcare elementi costruttivi: anche i cosiddetti “diavoli del tempo” impegnavano la loro forza a riportare il perpetuarsi ovunque e comunque.
Il diavolo sapeva insinuarsi nelle menti dei ricchi personaggi del tempo.
Marchi ci fa rivivere il passato e l’ansia anche del futuro: racchiude il voler sentire Dio nel proprio essere.

FINIS DI OTTOBRE 2018!

logo_occhiodilince

FLORMART – FIERA DI PADOVA 19-21 SETTEMBRE

flormart[1]

FLORMART – FIERA DI PADOVA
19 – 21 SETTEMBRE

SALONE INTERNAZIONALE FLOROVIVAISMO ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO E INFRASTRUTTURE VERDI

A Flormart si danno appuntamento le più importanti realtà del settore florovivaistico nazionale ed internazionale per far conoscere tutto il meglio di quello che propone oggi il mondo del verde.
68 edizioni confermano l’importanza ormai consolidata di tale manifestazione.

Temi del salone:
Vivaismo (Piante verdi e fiorite, Piante officinali)
Architettura e progettazione sostenibile (Rigenerazione urbana, Sostenibilità)
Green Research LAB (Innovazione, Smart City)
Tecnologia (Meccanizzazione, Serre, Impiantistica, Logistica, Prodotti tecnici per la produzione)
Floristry (Floricoltura, Articoli per garden center)
FLORMART U35 (spazio dedicato ai giovani Under 35: laboratorio di idee e progetti)

Flormart sviluppa il tema della biodiversità con un progetto di riqualificazione di parte del quartiere fieristico. Sarà infatti realizzato GIARDINO ITALIA, un giardino permanente dove saranno coltivate piante e fiori endemici della varie regioni italiane. Il progetto, sviluppato in collaborazione con l’Università di Padova- Orto Botanico vuole veicolare ad un pubblico il più vasto possibile la cultura del verde e i valori della biodiversità.

ARTICOLI… UNA SCELTA PER TUTTI – SETTEMBRE 2018

Robot and human hands almost touching - 3D render. A modern take on the famous Michelangelo painting in the Sistine Chapel; titled, "The Creation of Adam".

IL DILEMMA DELL’AUTOMAZIONE
di Elena Comelli – Il Sole 24 Ore di domenica 3 giugno 2018

Quando Dorothy incontra l’Uomo di latta nel Mago di OZ i due riescono a comunicare, anche se il robot è bloccato dalla ruggine e parla con difficoltà. Oggi la questione si è fatta ben più complicata, man mano che procediamo a grandi passi verso la singularity e le macchine ragionano sempre meglio, la nostra capacità d’interazione di comunicazione è decisamente peggiorata.
Il ruolo degli umani nei sistemi automatizzati si sposta via via che cresce il livello di autonomia delle macchine, grazie ai progressi nel machine laearning e nel cognitive computing. In questi sistemi, gli operatori umani assumono ormai un ruolo di monitoraggio piuttosto che il controllo attivo (…)


AEFI-Fiera-965514[1]CORSI E MASTER PER LA CATEGORIA LA FORMAZIONE E’ UNA MISSIONE
la Repubblica – Affari & Finanza di lunedì 4 giugno 2018

Uno dei settori in cui Aefi è maggiormente attiva è quello della formazione e le cose non potrebbero stare diversamente. Il mercato fieristico è in continua e rapida evoluzione e non sempre le scuole e le università italiane sono in grado di sfornare figure professionali capaci di stare al passo con i tempi. Senza dimenticare l’importanza che il mondo fieristico ha in materia di occupazione: secondo Ufi, l’associazione mondiale dell’Industria fieristica, gli addetti a livello globale sono 680.000 (solo contando quelli coinvolti coinvolti direttamente), numero che sale a circa 1,8 milioni se si considerano le attività turistiche indotte (come trasporti, ricettività, Food&Beverage, etc). Inoltre da studi effettuati nel nostro Paese — che trovano conferma nella recente analisi sul commercio internazionale realizzata da Ufi a livello mondiale — emerge che un euro investito nelle fiere ne genera il doppio di indotto diretto e una cifra otto volte superiore di indotto indiretto.


aefi-fiere[1]AL SALONE SI VA PER FARE ESPERIENZE CAMBIA IL RUOLO DEGLI OPERATORI SERVONO COMPETENZE SUL DIGITALE
di Marco Frojo – La Repubblica – Affari & Finanza di lunedì 4 giugno 2018

Negli ultimi dieci anni il settore fieristico ha dovuto fare i conti non solo con la profondissima crisi da cui l’Italia non è ancora del tutto uscita ma anche con la rivoluzione digitale che ha portato enormi cambiamenti anche in questo campo. Gli operatori italiani hanno fatto non poca fatica a tenere il passo della concorrenza straniera, che ha dovuto affrontare le stesse difficoltà ma in molti casi è stata supportata da sistemi Paese più efficienti, senza contare che la durata della crisi dell’economia italiana non ha pari in Europa (ad esclusione della Grecia) per durata e intensità.


madre-e-figlia-camminano-629x430[1]IL VIAGGIO CON I FIGLI? UNA SORPRESA MERAVIGLIOSA
di Serena Dandini – Io Donna di sabato 26 maggio 2018

Ho sempre pensato che i momenti migliori insieme ai figli, quelli di crescita vera, fossero quelli passati a viaggiare insieme. L’avventura fuori dalle consuete pareti casalinghe consente un tempo sospeso, fuori dalle regole e dalle costrizioni della quotidianità e, grazie all’imprevedibilità del viaggio e alle sue “sorprese”, i canonici ruoli familiari perdono i loro connotati, permettendo avvicinamenti impensabili e complicità meravigliose.

Un’estate lontana, quando mia figlia aveva dieci anni, decisi di affrontare un tour dell’Irlanda in macchina, io e lei da sole: all’ultimo momento la comitiva di amici di riferimento aveva avuto un contrattempo e, in un impeto di ottimismo, avevo deciso di partire lo stesso.


Limite-uso-contanti-2018[1]L’ITALIA COMPRA IN CONTANTI. PER ESSERE PIU’ COMPETITIVI SERVE ACCELERARE SUL DIGITALE
di Andrea Frollà – La Repubblica – Affari & Finanza di sabato 21 aprile 2018

Il belpaese è tra le trenta economie a maggiore incidenza del cash sul pil nonostante l’esborso elettronico garantisca 10 miliardi di risparmi e lotta all’evasione fiscale la partita è nei negozi una mano sta arrivando da contactless e taglio di commissioni bancarie.
L’Italia non è mai stata ricompresa nel gruppo dei Paesi che hanno imboccato fino in fondo la strada della cashless society e probabilmente dovrà aspettare ancora a lungo prima che ciò accada. Il tema della società senza contanti ha sempre generato aspri dibattiti, specialmente nel nostro Paese dove le distanze tra innovatori e conservatori tendono a non assottigliarsi facilmente. Tuttavia, sull’onda di alcuni fenomeni figli dell’innovazione (la crescita dei pagamenti digitali, la diffusione dell’open innovation, l’evoluzione tecnologica dei servizi, l’avanzata delle abitudini mobile e altri trend recenti) sicuramente se ne discute sempre più spesso.


I RITORNI – LE RADICI – SETTEMBRE 2018

Logo_Gottardo (1)Ogni mese, come è stato suggerito, portiamo in evidenza un libro, pubblicato anche diversi anni fa, dove la cultura e il sapere del tempo sono stati sollecitati a confrontarsi con aspetti, non solo intellettuali, delle generazioni dell’epoca.9788806147389_0_200_0_0[1]PASTORALE AMERICANA (1997)
di Philip Roth

Non so completamente il perché il libro, che l’autore pubblicò negli anni ’90 in America, divenne oggetto del Premio Pulitzer. Un saggio, a modo suo un romanzo, della “vita pastorale” americana.
Il personaggio rappresentato è uno svedese ricco di successi personali e di gioie di famiglia: anche in una ricca ed intelligente famiglia può annidarsi una serpe che deve essere, non annientata, ma portata a diventare utile all’elemento ambientale socio-politico. Ecco il significato, profondo o meno, della pastorale americana.
Questo libro romanzo rivaluta le radici di tutti i popoli: forse una speranza per il futuro può ritenersi pronto ad offrire frutti vari.

ARTICOLI… UNA SCELTA PER TUTTI – LUGLIO 2018

112712[1]MONETA ELETTRONICA, PIU’ APP PER TUTTI E IL BONIFICO COSI’ DIVENTA ISTANTANEO
di Marco Frojo – La Repubblica – Affari & Finanza di lunedì 7 maggio 2018

Un’ app per i consumatori, un’altra per gli esercenti e una piattaforma per i bonifici istantanei. Nexi, l’ex Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane (Icbpi) che nel novembre scorso ha cambiato nome, si prepara alle enormi sfide nel campo dei pagamenti digitali, di cui in Italia è l’indiscusso leader. La società controllata dai fondi Advent, Bain Capital e Clessidra ha di recente integrato le funzioni Apple Pay e Samsung Pay nell’app Nexi Pay: applicazione finanziaria che consente di gestire tutte le funzionalità della propria carta e monitorare in tempo reale le spese effettuate.


jolla_tablet_02[1]I TABLET HA ORMAI SORPASSATO I NOTEBOOK CRESCITA QUASI DOPPIA RISPETTO AI PC PORTATILI
di Irene Maria Scalise – La Repubblica – Affari & Finanza di lunedì 23 aprile 2018

Nel triennio 2015-2017 il notebook ha sempre avuto la meglio sul tablet, ma ora sembra che la situazione sia cambiata. Nel 2017 l’interesse verso questo dispositivo ha per la prima volta non solo superato – ma doppiato – quello nei confronti del portatile con una percentuale di crescita del 52% rispetto al 26 per cento del suo “antagonista”. Questo risulta da una ricerca che ha analizzato il numero delle intenzioni di acquisto registrate sul portale italiano dal 2015 al 2018: verificando l’andamento, in positivo o in negativo, delle ricerche condotte online. “Analizzando i dati, si è trovato conferma di come si tratti di due categorie entrambe amate dai consumatori digitali (come l’intero settore dell’elettronica di consumo). Due prodotti che crescono entrambi ma a velocità differenti. (…)


3808691_1629_leggelazio_rider[1]PASTI A DOMICILIO. PICCOLI A TAVOLA, E’ PRONTO
di Giulia Cimpanelli – Il Corriere della Sera di lunedì 7 maggio 2018

Il mercato del “food delivery e del take away” in Italia supera i 3 miliardi di euro, stima il principale palyer del settore, Just Eat. Ma la quota gestita in digitale, con gli ordini online, arriva solo al 7%. “Il settore della ristorazione e alimentare in generale è stato un o degli ultimi a essere toccato dalla rivoluzione digitale (commenta Daniele Contini, manager per l’Italia di Just Eat). Si tratta di uno dei mercati più estesi, che offre almeno due occasioni di consumo quotidiano, pranzo e cena”. Non è un caso che il colosso delle consegne a domicilio inglese staia incrementando anno dopo anno gli investimenti in marketing e pubblicità. (…)


paolo-vi-nel-gorno-dellincoronazioaane-U430605845976550VF-U434806965744121K-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443[1]PAOLO VI, IL COMBATTETE MITE
di Andrea Riccardi – Il Corriere della Sera di domenica 6 maggio 2018

Bresciano cresciuto in una famiglia cattolica colta e borghese, Giovanni Battista Montini ha valicato confini lontani: è andato oltre questo mondo, segnando un’epoca e divenendo «segno di contraddizione». Non si è formato in seminario, ma in una famiglia bresciana, in cui pulsava il senso forte di appartenenza alla Chiesa locale. I Montini, con libertà e criticità, discutono di varie vicende e personalità ecclesiastiche. “I bresciani” volevano qualcuno in Curia che rappresentasse il loro sentire e Giovanni Battista venne avviato ad entrare in Vaticano. A 26 anni, scrive «la vita romana mi è sempre repulsiva». Il mondo cattolico e anche laico spinge Montini a diventare cittadino del mondo “moderno”, ma con radici solide nella cultura cattolica.


crescita[1]LA CRESCITA PROFESSIONALE E’ MEGLIO DI UN POSTO SICURO
di Daniele Marini – Il Mattino di Padova domenica 6 maggio 2018

Il lavoro è al centro del progredire forte ed esteso. E’ così che larga parte della popolazione lo vorrebbe: la dimensione soggettiva prevale su quella collettiva.
A ben vedere, si tratta di un rovesciamento di prospettiva; un arricchimento: l’individuo progredisce ed amplia la visione e la ricerca del moderno. Il lavoro è oggi un crocevia di trasformazioni e, nello stesso tempo, di contraddizioni. I cambiamenti hanno toccato il modo di lavorare, le organizzazioni delle imprese, i profili professionali, tutto ciò s’è riflesso sulla struttura sociale, muta la base dell’essere “individuo” sociale.

LIBRI FORTI – GIUGNO 2018

DN-XTjaWsAEUB6a[1]L’INDUSTRIA FA LA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
Autore: Riccardo Gallo
Casa Editrice: GUIDA EDITORI
Pag. 103 – € 10

E’ opportuno sottolineare che fin dall’inizio l’industria nel mondo e anche in Italia ha smesso di investire dai primi anni del ’70. Dai tempi attuali gli imprenditori “iniziali” sono invecchiati e quindi meno disposti a rischiare: grazie politiche finanziarie “equilibrate” molti imprenditori hanno imparato a galleggiare e tenere sempre importanti flussi di cassa.
“Il ciclo del declino industriale è lungo: il valore aggiunto rispetto al fatturato ha cominciato a scendere dalla fine degli anni ’80 dimezzandosi dal 30% di allora al 16% del 2012. La crisi ha colpito una struttura già fragile: e questo spiega la violenza dell’impatto che ha cancellato un quarto della capacità produttiva del paese.”
Molti imprenditori si sono dedicati con responsabilità propria a operare un “iper-ammortamento”. Ora decolla con difficoltà la cultura nei temi industriali. Il nuovo ammortamento sarà orientato a rinnovare i vecchi macchinari ma la potenzialità verso il futuro quasi potrà ridursi anzi cancellarsi.


9788828200031_0_0_0_75[1]L’EQUILIBRIO DELLA LUCERTOLA
Autore: Giovanni Allevi
Casa Editrice: SOLFERINO
Pag. 140 – € 13

L’autore Giovanni Allevi è famoso come compositore e grande concertista.
Allevi sente su di sé il peso della propria figura per cui culla in sé stesso l’incubo della caduta. Tenersi in piedi su un equilibrio basato solo su una parte dell’innovazione porta a gioire solo di piccoli progressi, per cui l’autore stesso ammette che per un eccesso di proprio controllo si sente sottoposto a perdere un equilibrio in principio avuto.
“È lo specchio della condizione in cui vive l’artista, ma in fondo chiunque, quando comincia a non notare più differenza tra l’essere esposto alle critiche e l’essere apprezzato.”
È importante coltivare silenzio e osservare con attenzione il modo di provvedere su quattro piccole zampe tipiche della lucertola.
La lucertola è un simbolo di rinascita: diventa un animale guida che porta a conservare la sapienza e cogliere gli elementi della terra in cui si vive.
L’autore ammette che ormai ha iniziato a coltivare non solo economia ma note filosofiche.
“Il succo non è ritrovare l’armonia tutti insieme, ma accettare il disequilibrio.”
Molti operatori diventano ansiosi e preoccupati a non sollevare troppe obiezioni in sé stessi e anche negli altri.


9788831729086[1]LA STORIA DI SHIVA E PARVATI
Autore: Kãlidãsa
Traduzione a cura di: Giuliano Boccali
Casa Editrice: MARSILIO
Pag. 304 – € 19

L’editrice Marsilio ci porta a conoscere un poema della storia di Shiva e Parvati: un poema che considera opportuna e interessata per tutti la visione tantrica della sessualità.
“Il canto iniziale si chiude con una breve descrizione di Shiva immerso nell’ascesi come rifugio dal dolore: lacerante del suo lutto per la tragica morte della prima sposa, di cui Parvati è la reincarnazione. Adolescente ingenua e già innamorata, ma istruita dal padre, la meravigliosa fanciulla gli si affaccenda intorno per compiacerlo e attirarlo.”
Kama il cupido indiano vuole parlare con il suo collega occidentale; dopo l’inizio virtuale si sente disturbato nella sua meditazione profonda.
“A conquistare Shiva non è dunque il dardo del dio dell’amore, sarà invece l’intelligente Parvati, che lo attrae gareggiando con lui in un’ascesi implacabile.”
Comunque è opportuno sottolineare come la poesia di Kãlidãsa incentra in parte un aspetto non usuale nella letteratura indiana. L’amore non riceve una ghirlanda sul capo ma coltiva in sé la preoccupazione di evitare l’incenerimento.
E’ interessante riportare alcuni versi:
“Congiungendosi a quella giovane, sempre più bella la luna del suo volto,
i loti degli occhi di Shiva fiorirono,
le acque della sua anima si illimpidirono:
divenne come il mondo quando si congiunge alla stagione autunnale.”
Ogni strofa del poeta racchiude una “risonanza segreta” che sottilmente cerca di dare un rapporto continuativo al mondo esterno naturale e un’interiorità non sempre evidente.


978880468742HIG-312x480[1]LE VITE POTENZIALI
Autore: Francesco Targhetta
Casa Editrice: MONDADORI
Pag. 246 – € 19

“L’autore di Treviso, che insegna attualmente nelle scuole superiori, mescola la lingua ibrida delle giovani maestranze tecnologiche fatta di job interview, award, debug e digital manetor, con quella, poetica, dei sentimenti e delle descrizioni ambientali da cui sgorga una asciutta elegia per Marghera e dintorni perché «solo nei luoghi desolati certe vite possono trovare la loro armonia».”
Microcosmo allevato da Targhetta è quasi programmato sulla prevalenza maschile, l’elemento femminile ben indicato da nomi correnti da voce e corpo a segreti che cercano di partire dal territorio attuale veneto e spingersi verso il lontano.
Il precariato scompare e i veneti sognano la silicon valley. I personaggi esposti sono di media età e anche se mostrano aspetto antiquato vogliono nascondere la propria canizie letteraria e operativa per stare insieme a molti altri non solo nel campo informatico, ma specialmente nella conquista di una propria individualità esistenziale e operativa.


8489-3[1]IL TEMPO DI ANDREA
Autore: Maria Rosaria Valentini
Casa Editrice: SELLERIO
Pag. 193 – € 16

Come l’autore anche il semplice lettore impegnato “leggermente” nel mondo trova nella scrittura ricca di aggettivi e paragoni bizzarri il ricordo attuale che è diventato essenziale per dar valore alla ricerca del futuro.
“E così, in un certo senso il cerchio si chiude, il geniale gioco di prestigio che ha coinvolto il lettore nella sua magia svela il trucco. E la scrittrice a modo suo ci chiede scusa per la sua vittoria.”
La Valentini che abita in Svizzera e sceglie un editore di Palermo fa emergere un personaggio ossessionato dal pensare e ripensare che usa la carta igienica per una segreta e non sempre utile segreteria del tempo.
Ecco che non è indispensabile pensare ai medici curanti ma anche a loro come personaggi di attenzione da parte dei clienti anche se questi pensano di essere al di sopra di tutti.
Personaggio importante diventa una portinaia che alleva di nascosto i pulcini e li diventa un genio per il personaggio che oltre interprete diventa autore di sè stesso.

ARTICOLI… UNA SCELTA PER TUTTI – GIUGNO 2018

153151151-d1b3cbbe-8b1e-4a97-bfec-e5acec3ee8b3[1]LASER E TECNOLOGIA IL VECCHIO VINILE DOMINA LA CORSA ALLA MUSICA IN HD
di Ernesto Assante – La Repubblica – Affari & Finanza di lunedì 23 aprile2018

Sul ritorno in auge dei dischi in vinile si è detto e scritto molto negli ultimi anni e con ragione: il fatto che un supporto universalmente considerato morto, anche perché completamente analogico in un mondo, quello della musica, dove il digitale aveva già il completo dominio attraverso il Compact Disc, sia tornato in vita e goda, anno dopo anno, di salute migliore, è obbiettivamente notizia assai curiosa. Ma quella che sembrava semplicemente una moda tendente al “vintage”, sta invece prendendo la forma di una tendenza: la Riia, l’associazione dei discografici americani, ha da poco certificato che lo scorso anno, per la prima volta dal 2011, il pubblico ha preferito acquistare il prodotto fisico a quello digitale. Attenzione, non stiamo parlando di un “ritorno al passato”, ma soltanto del fatto che i download a pagamento sono calati molto di più di quanto non sia calato. (…)


image[1]I FILOSOFI IN AZIENDA FANNO DECOLLARE IL PROFITTO
di Irene Maria Scalise – La Repubblica – Affari & Finanza di lunedì 23 aprile 2018

Arrivano in azienda al posto dei cacciatori di teste e degli avvocati. Quando una struttura è in crisi si affacciano gentili con il compito di aiutare dipendenti e capi in difficoltà. Sono i cosiddetti “filosofi pratici”, sempre più spesso contesi da realtà della Silicon Valley (e non solo) per permettere a chi lavora di prendere le decisioni più difficili. Chiamali se vuoi “filosofi imprenditoriali”: hanno, quasi sempre, un compito inverso. Invece di dare risposte, infatti, fanno domande. Li racconta il giornale inglese The Guardian che, in un editoriale dedicato all’argomento, intervista il filosofo Lou Marinoff da vent’anni a libro paga di imprese più o meno disastrate. «Spesso ci troviamo di fronte persone intelligenti che sono oberate d’impegni e non hanno tempo per riflettere – racconta Marinoff – quello che facciamo per loro è dargli uno spazio in cui possano iniziare a riflettere». Il filosofo, che è anche autore del libro “Platone, No Prozac!” e presidente dell’American Philosophical Practitioners Association, negli anni ha formato più di 400 filosofi che prestano regolarmente servizio in realtà internazionali. I suoi “angeli” portano a risultati molto più concreti di quanto accade con avvocati o generici consulenti. (…)


incontri-acdt-arte-scienza-870x290[1]SENZA I CLASSICI LA SCIENZA PERDE I PERCHE’
di Roberto Righetto – Avvenire di domenica 22 aprile 2018

In un noto saggio edito dal Mulino nel 2014, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, la filosofa americana Martha Nussbaum evidenzia che «non c’è nulla da obiettare su una buona istruzione tecnicoscientifica», ma si dice preoccupata perché «altre capacità altrettanto importanti stanno correndo il rischio di scomparire nel vortice della concorrenza». Si tratta di capacità «associate agli studi umanistici e artistici: la capacità di pensare criticamente, la capacità di trascendere i localismi e di affrontare i problemi mondiali come “cittadini del mondo”; e, infine, la capacità di raffigurarsi simpateticamente la categoria dell’altro». Per questo – sostiene – nell’educazione dei giovani è fondamentale insegnare filosofia, storia e letteratura, mentre accade che, specie nelle società occidentali, «gli studi umanistici, l’arte e persino la storia vengano eliminati per lasciar spazio a competenze che producono profitti che mirano a vantaggi a breve termine». Scienza, tecnica ed economia hanno bisogno invece di un solido impianto umanistico per poter raggiungere i loro scopi in nome del vero progresso umano. (…)


Fotolia_157368053_Subscription_Monthly_M-1[1]RIDISEGNARE LA SOCIETA’. INSIEME
di Maria Grazia Mattei – Il Corriere della Sera di martedì 17 aprile 2018

«La tecnologia moderna può essere complessa, ma la complessità in sé non è né buona né cattiva: cattiva è la confusione. Non lamentatevi della complessità; protestate invece contro la confusione (…). Il buon design può aiutarci a dominare la complessità». È una citazione di Don Norman, Direttore del Design Lab dell’Università di California a San Diego e padre dell’human-centred design che nel 2011 è stato ospite di Meet the Media Guru. Si tratta di poche righe contenute nel suo bellissimo saggio Vivere con la complessità (edito da Pearson nel 2011) che offrono un indizio utile a destreggiarci nell’ambiente iperconnesso e apparentemente frammentato nel quale viviamo.(…)


EFFETTI-DANNOSI-MALEDUCAZIONE-640x401[1]MALEDUCATI E FELICI?
di Rossana Campisi – Il Corriere della Sera di sabato 21 aprile 2018

Qualcuno dovrà dirle grazie, alla maleducazione. Ci ha permesso di sopravvivere, come darle torto. In città, sarebbe stato impossibile soffermarsi su ogni viso incontrato: la follia rumorosa ci sovrasta e noi dobbiamo per forza andar di fretta indifferenti, serve a proteggerci, tanto ci sono gli altri se qualcuno avesse bisogno d’aiuto (vivessimo in un villaggio, rischieremmo la nostra reputazione, ma in contesti così grandi, non abbiamo nulla da perdere). In ufficio, con i «per favore» la busta paga sarebbe rimasta immobile per una vita: è bastato alzare la voce e il capo ci ha ascoltato. Alcuni ricercatori della Ohio State Univeristy hanno dimostrato che avere un piglio aggressivo e poco gentile ci rende più affidabili dal punto di visto creditizio (chi è educato sottoscrive magari una carta di credito solo per far contento il venditore. (…)

31 PAROLE… PER UN LIBRO – GIUGNO 2018

calabria-dautore-466696[1]CALABRIA D’AUTORE
Autore: AA. VV.
Casa Editrice: MORELLINI EDITORE
Pag. 288 – € 14,90

L’ambiente essenziale e positivo del libro è l’Aspromonte che vive del ricordo di sequestri ma anche di paesi quasi mangiati dal mare ed arricchiti dagli arancini.
Qui si trovano dieci racconti esposti da altrettanti scrittori che conoscono e vivono queste terre; non si conoscono misure semplici ma il tutto coltiva bellezza e abbandono. Un punto interrogativo può affliggere il lettore. È un sud che ancora inganna?


9788817093514[2]I GUARDIANI
Autore: Maurizio De Giovanni
Casa Editrice: RIZZOLI
Pag. 362 – € 19

L’autore espone la preoccupazione di un antropologo, noto professore universitario, che viene offerto dal rettore come compagno di una giornalista tedesca che è interessata a visitare la città di Napoli misteriosa e sotterranea.
Anche la nipote assistente del personaggio principale sente lo zio quale folgorato nella ricerca.
Alla fine penseremo tutti se esiste “sotto Napoli” un sotterraneo fatto solo di lava ma ricco di luoghi sacri del passato e aperti al futuro.


70664v-SD79TG14[2]LA CASA NELLA PINETA
Autore: Pietro Ichino
Casa Editrice: GIUNTI
Pag. 416 – € 18

Il grande personaggio umano e spirituali di Don Milani rivive in questo libro e porta alla superfice vita, radici, affetti e luoghi dell’ambiente in cui Don Milani ha vissuto (Forte dei Marmi). Il tutto costituisce il tormento utile alla spiritualità del personaggio. Superare le radici proprie della borghesia e portarsi in una ricerca valida anche nelle persone semplici, ma sempre legata ad un mondo intellettuale mai assopito. Ecco che la borghesia d’origine cerca spazio nei movimenti operai che hanno invaso e vissuto nelle fabbriche e negli impianti para-sportivi dell’industria. L’autore però sottolinea come la posizione di Don Milani è stata eccezionale ma anche legata sia ad un comunismo iniziale più forte del partito comunista; ma alla fine è vissuto come un rapporto non sempre facile di persone che hanno dovuto lavorare e vivere l’ambiente non poetico dell’industria.


8352936_3056488[2]SPERANZE D’ITALIA
Autore: Ernesto Galli della Loggia
Casa Editrice: MULINO
Pag. 325 – € 24

L’autore è un noto editorialista del Corriere della Sera. I saggi descritti nel libro sono parte essenziale di questa seconda repubblica ma anche coltivati e cullati dalle speranze semplici di molte persone.
“Ecco che l’introduzione non aggiunge altri materiali interpretativi, ma si limita a una sintesi delle principali conclusioni a cui i diversi saggi pervengono. E però, con molte cautele, avanza una pretesa di originalità – specie per il passaggio dalla ricerca a una diffusione ideologica più ampia- piuttosto chiara”.
Per l’autore anche le dissacrazioni delle ideologie del ‘900 sono utili a colpire la sicurezza del mondo attuale e la necessità di aver coraggio non solo per scalfire i mostri sacri della sinistra ma anche semplici argomentazioni per il lettore semplice ma anche avveduto.


51fTu1wquzL._SX353_BO1,204,203,200_[2]DIALOGO SULL’IMMIGRAZIONE
Autori: Stefano Proverbio e Roberto Lancellotti
Casa Editrice: MONDADORI
Pag. 128 – € 12

Tema sentito da tutti anche da lettori non abituali. L’immigrazione è la base di un libro che può aiutare a sfatare luoghi comuni riguardanti il lavoro e le pensioni: indubbiamente si manifesta vieppiù dal confronto fra le argomentazioni popolari e populiste anti immigrazione e quelle «pro». Si presentano dati e statistiche rilevanti che delineano una serie di indicazioni: la migrazione fa crescere il Pil.
Gli argomenti trattati nel libro che sondano i pro e i contro coltivano la speranza della gioventù e lo scetticismo degli anziani.
Ecco che il libro non dà ricette ma raccomanda interventi «che vadano oltre la gestione dell’emergenza» e consentano di allineare i flussi alle necessità del Paese.

ENAIP VENETO – ASSEGNO PER IL LAVORO

Con ENAIP Veneto ben 18 sportelli per chi è alla ricerca di lavoro e ha diritto all’ASSEGNO PER IL LAVORO.
La Regione Veneto (DGR N° 1095 R.V.) promuove infatti la realizzazione dell’intervento “ASSEGNO PER IL LAVORO” che prevede azioni di politica attiva volte ad incrementare l’occupazione di lavoratori. L’assegno per il lavoro è un titolo di spesa che diritto a ricevere servizi di assistenza alla collocazione o ricollocazione al lavoro. Il titolo viene rilasciato, su richiesta dell’interessato, dal Centro per l’Impiego del proprio paese di domicilio.
La Regione Veneto promuove la realizzazione dell’intervento “Assegno per il lavoro” che prevede azioni di politica attiva volte ad incrementare l’occupazione di lavoratori attualmente disoccupati.
L’assegno per il lavoro è un titolo di spesa che dà al cittadino disoccupato il diritto di ricevere determinati servizi di assistenza alla collocazione/ricollocazione al lavoro. Il titolo viene rilasciato, previa richiesta dell’interessato, dal Centro per l’Impiego del paese dove il lavoratore ha comunicato il proprio domicilio.
Con la DDR 713 dell’08/11/2017 Enaip Veneto è stato inserito nell’elenco dei Soggetti Accreditati ammessi agli interventi previsti dalla Direttiva. Attraverso le nostre sedi e collaboratori, possiamo accompagnare le persone a trovare una nuova opportunità di lavoro, grazie ai diversi tipi di formazione che proponiamo.

Tutte le INFO su come richiedere e i servizi di ENAIP Veneto cliccando qui sotto:
http://www.enaip.veneto.it/index.php/assegno-per-il-lavoro/6670-assegno-per-il-lavoro-per-la-ricollocazione-di-lavoratori-disoccupati

#enaipveneto#assegnoperillavoro#serviziallavoro#formazioneprofessionale

ENAIP - AXL

FINIS DI GIUGNO 2018!

logo_occhiodilince

LIBRI FORTI – MAGGIO 2018

9788858131220[1]HOMO PREMIUM
Autore: Massimo Gaggio
Casa Editrice: LATERZA
Pag. 192 – € 15

Nel vivere intensamente o meno il mondo moderno la tecnologia digitale presenta una sua rivoluzione. I migliori “informatici” costituiscono una élite privilegiata. Il popolo “minuto” non riesce sempre a correre e superare gli ostacoli di questa civiltà digitale e ne esce depauperato da diversissime operazioni di conoscenza e quindi anche di attività.
“Tutto è connesso, tutto si tiene, tutto si smaterializza. Ma nel mondo digitale non tutto è oro quello che sberluccica.”
I politici non solo italiani possono sempre lanciare senza molti costi manifesti in cui invitano la comunità a unirsi ed operare. Ecco che tutto ormai diventa comunità operativa ma anche porta ad una sottovalutazione sociale.
L’uomo diventa in teoria ricco ed intelligente; al suo contorno il mondo si popola di gruppi sociali che conducono una vita modesta purtroppo a volte segnata da difficoltà sanitarie.


8490372_3129584[1]TROPPI DIRITTI
Autore: Alessandro Barbano
Casa Editrice: MONDADORI
Pag. 192 – € 18

Mondadori offre i tipi editoriali ad Alessandro Barbano direttore del Mattino di Napoli.
Il noto giornalista sottolinea come sui doveri prevalgono i diritti che portano un pensiero positivo ma nella realtà quasi un merito che difficilmente supera il concetto della moderna democrazia.
“Partendo da una lettura scorretta della Costituzione, osserva Barbano, si fa largo la possibilità di ottenere una libertà sconfinata, pretendendo sempre nuovi diritti, finora non contemplati dalla legge o dalle consuetudini.”
Questo porta a sottolineare come l’autorità, all’interno delle famiglie e nelle aziende, porta ad una cancellazione del rispetto e della responsabilità.
Spesso ciascuno coltiva un pensiero critico ma non sa con facilità valutare positivamente vari aspetti. Per l’autore anche il mondo accademico è portato a sottolineare aspetti che “i semplici” non sempre colgono con facilità e simpatia.


9788806236663_0_0_0_75[1]IL DIAVOLO NEL CASSETTO
Autore: Paolo Maurensig
Casa Editrice: EINAUDI
Pag. 116 – € 13,50

Racconti, novelle di leggerezza naturale sono portati ad ambientare il personaggio principale nel mondo della “rabbia” e della “vanità”.
L’autore si richiama a un sacerdote Cornelius che sente l’urgenza e la necessità di avere un sostegno anche da un “diavolo corrente”.
“Un racconto vagamente gotico introdotto all’espediente del manoscritto ritrovato. Dove si narra di padre Cornelius, chiamato ad assistere il parroco prossimo alla pensione in un paese svizzero, «accogliente d’estate, mortalmente squallido d’inverno».”
Il diavolo, il demonio aprono così una succursale per affezionare i propri clienti.
Quasi quasi l’autore induce a pensare che per sentirsi importanti dobbiamo “vendere l’anima” al mondo… e ad uno dei sui principali sostenitori… il diavolo!


8412228_2799862[1]NELLE TERRE DI NESSUNO
Autore: Chris Offutt
Traduzione: Roberto Serrai
Casa Editrice: MINIMUM FAX
Pag. 160 – € 17

La letteratura americana spesso e volutamente prende personaggi inizialmente semplici ma che diventano poi stimolanti alla spiritualità dei semplici; un esempio, un rilievo: gli abitanti, del Kentuchy, si sentono importanti nella galassia.
“In questo il racconto è la forma nobile che mostra la virata repentina del destino. Il lettore italiano è spesso diffidente della brevità narrativa, e se fosse davvero il momento di affidarsi alle short stories?”
In questo racconto americano si supera la sua vita di singolare e povera persona: anche un demonio, per essere un predicatore, porta le persone vicino alle altezze massime.
“La letteratura di Offutt va oltre la domanda e ci scaraventa in vicende scritte con una lingua che rivela come siamo fatti, la ferocia, la dolcezza, quella specie di resistenza che fa dire «vado avanti» quando tutto è perduto, o quando tutto appare già segnato dall’infanzia.”


9788806232238_0_0_0_75[1]DALL’OBLIO PIU’ LONTANO
Autore: Patrick Modiano
Traduzione: Emanuelle Caillat
Casa Editrice: EINAUDI
Pag. 142 – € 17,50

L’autore fa emergere sé stesso in un importante quartiere latino di Parigi degli anni 60: vive piacevolmente e quasi impegnato coi suoi caffè e i suoi alberghi precari ma fervidi per la vita “bohemien”.
La ragazza, Jacqueline, scava la mente e la memoria e porta con sé per sé compagni che risuscitano in ciascuno di noi l’utilità del lavoro e l’allontanamento della noia.
“La memoria, e in Dall’oblio più lontano è particolarmente evidente, funziona per accensioni, per lampi, dove ogni cosa è illuminata nella sua concretezza, una strada, un vestito, il colore dei capelli. Tutto ciò che non è umano è nella sua dura e precisa realtà: la memoria coincide con una topografia o con un elenco di nomi e di luoghi; addirittura con un elenco del telefono. Infatti ogni essere umano non può sfuggire alla sua natura “fantasmatica”.”
L’autore conduce il “suo cliente” a superare la mediocrità e portare con sé una storia d’amore e di efficienza.