LIBRI FORTI – OTTOBRE 2018

primadicope_cognac-grande[1]LA CASA DI COGNAC
Autore: Yolaine Destremau
Traduzione: Marta Giusti
Casa Editrice: BARTA
Pag. 200 – € 13

Per i francesi, per gli europei e per gran parte dei cittadini del mondo, il cognac è il simbolo indiscusso di protagonista di una saga. Un eroe francese è espressione moderna, ma antica del buon vivere e del “buon digerire”.
La storia della famiglia che avvia il Cognac è diventata “personaggio” degno di una scrittura importante: per i francesi come per noi può essere la Divina Commedia.
Il protagonista assoluto è sempre lui: il cognac, quel liquore che permea ogni pagina e inebria il lettore, diventando il pretesto per trattare molti temi sotterranei tra cui soprattutto quello dei legami di sangue, del rapporto padri-figli, di un’eredità che si trasmette ostinatamente da uno Shaugnessy all’altro come un’ossessione, come la sola possibilità di esistere, di vivere di amare.
E’ una magica ricetta, quella del Cognac, che riuscì anche durante la Prima Guerra Mondiale a trovare un intesa tra singoli armati.
L’autore si sente successore della grande famiglia del Cognac.
Per gli italiani si riscopre che oltre Parigi anche Lucca ha dato origine alla saga familiare che ha portato nel mondo questa ricetta di cultura e di “gastronomia liquida”.


9788828200239[1]QUANT’E’ VERO DIO
Autore: Sergio Givone
Casa Editrice: SOLFERINO
Pag. 188 – € 16

L’autore, anche dalle prime pagine, afferma che può essere più vicino a Dio un ateo che un cristiano partecipante ai riti sacri.
Certamente il sacro porta i popoli ad essere “superiori” al mondo e l’ambiente del vivere quotidiano.
Un approccio ai problemi della vita – della nascita e della fine – affrancato dalle pretese prescrittive della bioetica di stretta osservanza confessionale, immobile nell’astratta rivendicazione della sacralità della vita, e ricondotto piuttosto al più maturo contesto concettuale di una riflessione libera da impacci dottrinari.
Le pagine di questo autore che riflette la necessità di avere nella propria mente e nel proprio cuore una pagina del trascendente, non è un mondo astratto, ma un “approdo” sicuro per l’essere umano.


imageCOUNTRY DARK
Autore: Chris Offutt
Casa Editrice: MINIMUN FAX
Pag. 235 – € 18

L’autore è personaggio che può contare su un illustre padre autore di fantascienza.
L’America qui descritta sembra voglia diventare la patria di un moderno Ulisse che torna a casa dalle guerre moderne e si aggancia ad Itaca descritto in un Kentuchy rurale ed aspro.
Alcuni commentatori pensano che si voglia parlare di un’America dove molti diseredati vivono elementi tipici del passato.
L’adesione del lettore ai sentimenti di Tucker avviene in virtù del fatto che questi agisce sempre con l’intenzione di difendere la sua famiglia e prendersene cura, riducendo al minimo l’urto con il mondo esterno, ma cosa accadrebbe se quelle stesse intenzioni, quelle stesse armi fossero affidate a una persona meno integra? Offutt non formula mai questa domanda, lascia che sia il finale stesso del romanzo, con l’integrazione sociale dei suoi protagonisti, a farla trapelare sullo sfondo, perché come suggerisce il titolo stesso, c’è un buio, un punto cieco e oscuro da cui tutto questo nasce.
Certo che questo romanzo ci porta a capire l’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump: l’America non è New York o Chicago, ma è ben radicata nel territorio rurale e semplice di parte del paese.
Può far paura l’America di oggi per la sua potenza economica e militare, ma secondo l’autore, gli americani sono persone che non riescono a superare l’importanza di essere ricchi e potenti.
Conoscere sé stessi è indispensabile, ma non facile.


71vSu39YKOL[1]QUESTIONE DI VIRGOLE. PUNTEGGIARE RAPIDO E ACCORTO
Autore: Leonardo G. Luccone
Casa Editrice: LATERZA
Pag. 244 – € 16

Gli italiani, secondo l’autore, anche per effetto dello scrivere informatico, cominciano a conoscere solo superficialmente la grammatica italiana e le sue regole.
Non è un caso che, in questo viaggio nel mare aperto della punteggiatura, Luccone affidi a Valéry il ruolo di nocchiero. Che meraviglioso editor sarebbe stato, Valéry se non avesse avuto meglio da fare. Nemico dei discorsi vaghi, generici, campati in aria, credeva solo nella forza ordinatrice della sintassi, nella sua capacità suggestiva e potenza retorica. Non c’è sintassi senza punteggiatura. «Tutto ciò che divide per unire è punteggiatura», dice Luccone.
Per Luccone, anche scrittori forti italiani, coltivano un’imperdonabile “non conoscenza” del corretto italiano.
Un buon narratore dovrebbe contare su una forte “non ignoranza” della lingua italiana.


Rigon_NSS108[1]GENTE D’ARME E UOMINI DI CHIESA.
I CARRARESI TRA STATO PONTIFICIO E REGNO DI NAPOLI (XIV-XV sec.)
Autori: Antonio Rigon
Casa Editrice: ISTITUTO STORICO PER IL MEDIOEVO
Pag. 400 – € 30

Il titolo dell’autore padovano è lungo ed è una forte sintesi della mente e del cuore dell’autore: riesce a risentire nei grandi carraresi (per molti decenni hanno operato e comandato a Padova) un potere assoluto ma molto illuminato.
L’evoluzione della figura del condottiero da militare assoldato a delegato-amministratore e poi, se ci riesce, signore o comunque potente proprietario terriero; il tutto condito dal rapporto individuo-casata.
Sembra quasi di rivivere certe nostre “potenzialità” regionali non troppo evolute.
I nomi dei grandi carraresi, per l’autore, significavano la loro posizione di armati e di giuristi.
Alcuni per circostanze difficili trovarono difficoltoso entrare nella successione carrarese, ma seppero illuminare Padova con una saga quanto mai esemplare per il mondo di allora e anche attuale.

Autore: Giuseppe Gottardo

Giuseppe Gottardo: scrittore, pubblicista, opinionista radiotelevisivo Roberto Brumat: giornalista, scrittore, comunicatore www.robertobrumat.it Con Occhio di lince promuoviamo le ultime pubblicazioni di libri (reperibili in italiano nelle librerie e in rete) orientati su aspetti economici e sociali. A ciò uniamo segnalazioni di recenti articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *