LIBRI FORTI – SETTEMBRE 2018

978880468815HIG-239x360[1]GLI SFORZA. IL RACCONTO DELLA DINASTIA CHE FECE GRANDE MILANO
Autore: Carlo Maria Lomartire
Casa Editrice: MONDADORI
Pag. 229 – € 19

Gli Sforza conquistarono il potere del ducato di Milano dopo l’estinzione dei Visconti. Iniziarono nella terza metà del ‘300, con Muzio Sforza, una dinastia molto operativa per capacità, inventiva e realizzazione.
L’autore presenta il grande iniziatore, Muzio Sforza, come un condottiero abile, ma specialmente un politico che portò in Milano un potere non derivante dal popolo, ma ricco di “autoproclamazione” della volontà di potere.
Gli Sforza furono molto attenti alle attività economiche di Milano: oltre che sostenerle riuscirono a far emergere tra altre potenze italiane una forte attrattiva per gli aspetti economici nei territori lombardi.
Lo sforzo di legittimazione della dinastia sforzesca passò anche attraverso la politica culturale, che rappresentò sicuramente una grande eredità. Attorno a Francesco si raccolse un gruppo di intellettuali umanisti fra cui l’architetto Filarete, che per il duca progettò il grande ed innovativo Ospedale maggiore. Nel 1463 venne iniziata l’edificazione dell’imponente convento domenicano di Santa Maria delle Grazie: al cui finanziamento parteciparono largamente gli Sforza.
Comunque anche se gli Sforza furono una rocca di potere i cittadini, anche se usufruirono di intensa attività economica, ebbero per gli Sforza un’attenzione e una considerazione “di superficie”.


9788893445337_0_0_0_75[1]ESSERE E DINTORNI
Acura di: Gianni Vattimo
Casa Editrice: LA NAVE DI TESEO
Pag. 425 – € 22

L’autore noto intellettuale ed operatore di cultura (per gli studenti ed anche per il popolo), discepolo prediletto del grande filosofo “cristiano” Luigi Pareyson, continua a offrire un pensiero che vorrebbe tenere in vita esigenze e soluzioni forti.
Vattimo con studi e continue ricerche vorrebbe “salvare quasi completamente” il grande filosofo Heidegger A parlare è Vattimo oppure Heidegger? Le parti sembrano confondersi. Tanto più che l’ultimo Vattimo, (fulminato sulla via di Damasco), interpreta l’emancipazione in chiave religiosa. Questo è riferimento ed ansia di ricerca per le sue scelte politiche, più discutibili. Con un salto mortale nella metafisica il pensiero debole si fa pensiero dei «deboli», una categoria reificata senza considerare che “debole esige una relazione di sostegno di base.
Vattimo a modo suo si sente un autore cattolico. Non legato alla continuità dell’ebraismo però senza mai “buttare alle ortiche” lo sforzo di ricerca della cultura ebraica.
“L’ermeneutica” è importante in quanto anche un “pensiero debole” può portare forza a chi nella sua analisi intende avvinghiarsi al passato: trovare tesi ed esplorazione del futuro utile e considerevole non solo per il popolo.


9788893445160_0_0_0_75[1]LIBERTA’ TOTALITARIA
Autore: Francesco Magris
Casa Editrice: LA NAVE DI TESEO
Pag. 344 – € 20

Per l’autore anche un ricercatore economista non deve limitarsi al suo campo ristretto, ma portare avanti la ricerca nell’essere il mondo contemporaneo utile per il docente, ma anche per l’”attento leggitore”.
I partiti politici, in particolare di sinistra, non sempre realizzano i diritti sociali sui quali hanno fondato la loro ideologia. La sinistra non è sufficiente neanche per tenere saldo “un populismo elaborato” nel mondo attuale.
L’economista non manca di segnalare il cambiamento delle politiche, la cui responsabilità sociale è innegabile. Una prassi d’ispirazione keynesiana respira che l’inflazione strumentale per accrescere l’occupazione e i profitti delle imprese. Si è passati a una politica deflazionista dopo la crisi del petrolio degli anni Settanta.
Non si devono dimenticare i numeri, seppur informatici: l’individuo deve cercare di superare un totalitarismo personale ed elitario la libertà non gioca solo sul formalismo.
L’esistenza di ciascuno è divenuta sempre più punto fisso di rispetto e di aiuto.


9788891759474[1]FISCO 3.0 Le nuove sfide dell’evasione fiscale e una proposta politica
Autore: Giovambattista Palumbo
Casa Editrice: FRANCO ANGELI
Pag. 164 – € 22

Il cittadino di qualsiasi nazione e di qualsiasi ambiente teme il tributo e la letteratura di supporto alle esigenze sempre più innovative. Tutto porta a chiedere al cittadino requisiti di civiltà ma anche di emissione di denaro nella vita quotidiana.
La giustizia tributaria è utile, ma deve servire al popolo globale; essenziale è rispettare la personalità del singolo.
La “mediazione tributaria” per i giudizi fino a 50 mila euro ha dato buoni risultati; i casi vengono trattati tutti nello stesso modo e assorbono la stessa quantità di tempo e di risorse sia che il valore sia di poche migliaia di euro sia che il valore sia milionario. E’ un lavoro enorme e importante, non solo per le casse dello Stato ma anche per la trasparenza nel rapporto tra fisco e contribuenti.


51amPpMQjYL[1]ZITTA! LE PAROLE PER FARE PACE CON LA STORIA DA CUI VENIAMO
Autori: Alberto Pellai e Barbara Tamborini
Casa Editrice: MONDADORI
Pag. 360 – € 16,90

Il titolo del libro presentato dagli autori è lungo ed anche difficile. I due autori, un medico ed una psicopedagogista, mettono in piedi un romanzo forte perché il lettore deve trovare nelle pagine del libro una “storia” che lo porta a sentire sé stesso prima di tutto e quindi a trasferire il vantaggio economico ad altri.
L’approccio non è deterministico. Gli autori creano un personaggio rischioso, ma bello e riuscito (quello di Chiara). Figura matura e resiliente in una famiglia disfunzionale, è una dimostrazione fatta per trovare e supportare un equilibrio faticoso. “Nobile semplicità e quieta grandezza”, come insegnava il teorico del Neoclassicismo Johann Joachim Winckelmann. Come la profondità del mare che resta sempre immobile per quanto agitata ne sia la superficie, l’espressione delle figure greche, per quanto agitate da passioni, espongono un’anima grande e posata.
Il potere dei libri è quasi miracolistico se a situazioni personali si unisce il desiderio interiore, promosso anche in queste pagine, rivolto a studiare e divulgare aiuto concreto ed opportuno ai lettori.
Gli autori in molte parti puntualizzano come la ricerca di un operatore culturale sia utile anche ai figli, successori non solo della propria famiglia.
Il polo culturale della famiglia può essere quasi riconosciuto non legittimo. Rimane comunque importante ai fini di scoprire qualcosa che porta il futuro dentro la casa e dentro l’io familiare.

Autore: Giuseppe Gottardo

Giuseppe Gottardo: scrittore, pubblicista, opinionista radiotelevisivo Roberto Brumat: giornalista, scrittore, comunicatore www.robertobrumat.it Con Occhio di lince promuoviamo le ultime pubblicazioni di libri (reperibili in italiano nelle librerie e in rete) orientati su aspetti economici e sociali. A ciò uniamo segnalazioni di recenti articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *